elezioni giornalisti

Alle elezioni dei giornalisti vince il sistema degli schieramenti, quindi perdono tutti. Ma non importa: tra poco si vota per l’Assostampa e la giostra della campagna elettorale riprende il suo giro.

Tutto come da copione all'OdG: eletti (col voto dei previsti quattro gatti: l'affluenza è stata di meno del 10% degli aventi diritto) fior di colleghi, ma voci nuove nessuna. E con un preoccupante rigurgito della logica, invadente e insidiosa, de...

Elezioni Odg, day after: primo “indipendente”, ma non eletto. Le inutili consultazioni “al buio” di chi predica trasparenza e poi tollera pizzini, partiti e furbi. Domenica tutto daccapo. E il Titanic va.

Mancano ancora i dati ufficiali, ma dovrei aver preso la metà dei voti che mi aspettavo. Eppure sono il primo degli "indipendenti", cioè dei candidati non legati a liste o cordate. Il che la dice lunga sulle prassi che sovraintendono al sistema. ...

Elezioni Odg, -2: seggi lontanissimi, giornalisti “costretti” all’astensione. La sacrosanta protesta di una collega sulla strana distribuzione delle urne che “fa fuori” gli elettori di mezza Toscana.

Il 18 maggio scorso la collega Lina Senserini, professionista di Grosseto, ha scritto (vedi in calce) ai vertici dell'OdG nazionale e regionale per protestare contro l'istituzione dei seggi elettorali dei giornalisti nelle sole città di Firenze, ...

Elezioni Odg, -3: il fotoreporter Fabio Polenghi ucciso a Bangkok durante gli scontri. Per qualcuno era, come tutti i freelance, un “disoccupato cronico”, un giornalista di serie B. Anche per i nuovi vertici dell’Ordine?

Milanese, 45 anni, è caduto durante le sparatorie tra esercito e camicie rosse. Era in Thailandia per una rivista. Domanda 1: era assicurato? E l'assicurazione era del giornale o gravava tutta sulle sue spalle di libero professionista? E' gius...