E’ accertato: il ministro dell’istruzione Fedeli parla e scrive peggio di come si pettina.