Leggo, davvero incredulo, che in Scozia è nato un parapiglia dialettico perchè il locale ma politicamente correttissimo museo marittimo ha deciso in via unilaterale che la parola “nave”, in inglese “ship”, non deve essere più considerata e quindi aggettivata, come da sempre nella lingua albionica, al femminile, perchè ciò risulterebbe discriminatorio (!) o addirittura “patriarcale”. E che quindi, sempre secondo loro, il termine dovrebbe diventare neutro e assumere il pronome “it” anzichè “she”, con aggettivi
Senza entrare nel merito, vorrei esortare gli isterici del moralismo linguistico a farsi vedere da uno bravo. Anzi, da un* brav*.