Distico enocritico di Angelo Peretti su L’Orpailleur Blanc Vidal et Seyval Blanc 2014 Vignoble de l’Orpailleur

 

Ora, se qualcheduno mi dice che lui di bianchi fatti con le uve di vidal e di seyval blanc ci pasteggia un giorno sì e uno no, be’, mica gli credo, a meno che sia canadese del Québec, perché questo vino viene da là, ed ha freschezza infinita e agrumi e fiori. Insomma, di bottiglie buone se ne trovan dappertutto.

 

Pubblicato in contemporanea su